U.S.PERGOLETTESE 1932 Srl
VIA A. DE GASPERI 67 - 26013 CREMA
Tel.0373 226415 / 0373 399932
segreteria@pergolettese.it - ufficiostampa@pergolettese.it

Notizie 0/1

OLBIA - PERGOLETTESE 1 - 4

Torna Indietro

OLBIA  - PERGOLETTESE   1 – 4
Marcatori: p.t.1' Duca, 24' Morello, 34' Scardina; s.t.16' Ragatzu su c.d.r., 90' Longo
OLBIA (3-4-1-2): Tornaghi; La Rosa, Della Bernardina (1'st Arboleda), Altare; Pennington (19' st D'Agostino), Ladientti, Lella, Cadili (19'st Pitzalis); Marigosu; Gagliano(1'st Ragatzu), Udoh (37'st Di Paolo). .
A disp. Barone, Van Der Want, Secci, Cossu, Occhioni, Giandonato,.
All. Canzi Max
PERGOLETTESE (4-3-3): Ghidotti; Candela, Lucenti, Bakayokio, Villa; Figoli (34'st Andreoli), Panatti, Duca (28'st Varas); Bariti (1'st Ciccone), Scardina (10'st Longo), Morello (34'st Piccardo).
A disp. Soncin, Faini, Scarpelli, Ferrara, Lamberti.
All. Contini Matteo
Arbitro: sig. Taricone di Perugia
Ammoniti: Ladinetti, La Rosa, Candela, Lucenti,  Ciccone
Espulso Ciccone al 76' per doppio giallo
Note: giornata primaverile; temp. 21°; terreno in buonon stato ma un po' allentato; angoli: 7 a 1; rec. 0' + 5'
 

Olbia  11/11/2020
Termina con una vittoria netta, meritata per 4 a 1 la trasferta in terra sarda della Pergolettese. Un successo maturato nei primi 45 minuti, grazie a un atteggiamento autoritario, determinato, giocato con grinta e con buone trame offensive . Nelle giornate precedenti, mister Contini, aveva spesso sottolineato che i punti persi al cospetto di ottime prestazioni, erano dovuti spesso a disattenzioni, a una inesperienza nel calarsi nella realta’ della serie C; al termine della gara di Olbia, il mister gialloblu’ non ha che da essere soddisfatto. Ha visto all’opera un gruppo unito, concentrato sull’obiettivo da raggiungere;  bello, quando c’e’ n’e stato bisogno e caparbio quando c’e’ stato da soffrire. Sugli scudi la linea di centrocampo (spesso un po’ criticata) con Figoli, Panatti e Duca mastini sui portatori di palla galluresi, e pronti a ribaltare in azioni d’attacco ogni palla conquistata. Un elogio anche gli attaccanti, generosi  nel dare manforte ai compagni, mentre la linea difensiva, orchestrata dalla coppia centrale Lucenti e Bakayoko, con Candela e Villa sugli esterni, ha messo in luce un’ottimo amalgama e solidita’.  

Il gol in apertura dopo solo 1 minuto di Duca (tra i migliori in campo), bravo a fiondare in diagonale sotto la traversa un pallone respinto dopo una conclusione di Figoli , ha spianato la strada per i gialloblu’ (oggi in maglia verde),incanalando la gara verso canoni congeniali, con l’Olbia incapace a imbastire una qualsiasi reazione e obbligato a ricorrere alle maniere forti per fermare le folate di Villa e Co. Il meritato raddoppio al 24’: Candela dalla linea difensiva lancia lungo per Scardina sul filo del fuorigioco; per superare il portiere in uscita disperata si e’ decentrato per poi  rientrare  e calciare in porta, il pallone, respinto sulla linea di porta, e’ stato preda di Morello che lo ha scaraventato  in rete con potenza.
Dopo dieci minuti e’ lo stessoMorello a ricambiare il favore, crossando un pallone perfetto per la testa di Scardina il quale, seppur contrastato, ha  fatto valere la sua potenza fisica e infilare il pallone in rete. Ad inizio ripresa l’Olbia ha effettuato due cambi, facendo esordire l’ultimo arrivato Ragatzu (giocatore dalla lunga esperienza, arrivato in settimana dal Cagliari), mentre Contini ha sostituito Bariti con Ciccone. L’ingresso di Ragatzu ha dato una scossa emotiva sul piano caratteriale aI bianchi locali, che si sono gettati con foga in attacco. La pressione effettuata ha  maturato due rigori nel giro di due minuti . Il primo e’ stato decretato per un presunto atterramento di Ragtzu, da parte di Lucenti (poi ammonito per proteste): la battuta dal dischetto di Ragtzu e’ stata deviata in angolo da Ghidotti. Dal corner successivo la palla e’ arrivata in area a Pennington, agganciato tergo da Longo ( neo entrato al posto di uno stanco Scardina): stavolta dal dischetto Ragatzu non sbaglia. Aver accorciato le distanze ha galvanizzato i giocatori di casa, ma in questo frangente e’ uscito il carattere della Pergolettese, la maturazione raggiunta, difendendosi con fare arcigno senza cadere nelle sempre piu’ plateali provocazioni dei sardi, cercando invece di giocare sempre la palla. La gara si e’ fatta piu’ difficile poi a un quarto d’ora dal termine, per l’espulsione di Ciccone che si e’ guadagnato il secondo giallo nel giro di pochi minuti, reo di aver colpito volontariamente la palla col braccio spingendola in rete. Anche in dieci uomini la Pergolettese non si e’ disunita, spegnendo le bramosita’ dei locali con la quarta rete ad opera di Longo al novantesimo. Lancio lungo di Villa per Piccardo, il pallone, calciato al volo, va’ a colpire il palo; per Longo e’ un gioco da ragazzi metterla in fondo al sacco. Prima della chiusura c’e’ stata ancora una occasione, ancora per Longo, per portare a cinque le segnature, ma il suo tiro davanti a Tornaghi e’ debole e si spegne tra le braccia del portiere: poi l’arbitro fischia la chiusura, Ora una decina di giorni di pausa (domenica la Pergolettese non gioca per il rinvio della gara contro la Juventus U23 al 2 dicembre) per allenarsi e recuperare gli infortunati, per presentarsi nel migliore dei modi a Lecco il 22 novembre.




U.S.PERGOLETTESE 1932 Srl
VIA A. DE GASPERI 67 - 26013 CREMA
Tel. 0373 226415 / 0373 399932
Stadio      Contatti