U.S.PERGOLETTESE 1932 Srl
VIA A. DE GASPERI 67 - 26013 CREMA
Tel.0373 226415 / 0373 399932
segreteria@pergolettese.it - ufficiostampa@pergolettese.it

Notizie 0/1

PERGOLETTESE - RENATE 0 - 2: LE PAROLE DI LUCIANO DE PAOLA E DI AIMO DIANA

Torna Indietro

Marcatori:p.t. 10’ Kabashi; s.t. 20’ Giovinco su c.d.r.,
PERGOLETTESE (3-5-2): Ghidotti 5; Ferrara 5(1’st Bariti 6), Ceccarelli 6, Bakayoko 5.5; Candela 5.5.(26’st Piccardo 5), Palermo 4, Panatti 5(1’st Andreoli), Varas 6.5 (26’st Figoli 5), Villa 6; Ciccone 6(29’st Longo 5), Morello 6.
A disp. Soncin, Lucenti, Tosi, Faini, Lamberti.
All. De Paola Luciano 5
RENATE (3-5-2): Gemello 6; Possenti 6.5, Silva 6.5, Anghileri 6.5; Guglielmotti 7(39’st Merletti 6), Kabashi 7, Marano 6.5(15’st Ranieri 6),Rada 6(32’st Lakti 6), Esposito 6; Galuppini 6(15’st Giovinco), Maistrello 6(15’st Sorrentino).
A disp. Bagheria, Marafini, Santovito, Damonte, Confalonieri, De Sena.
All. Diana Aimo 6.5

Ammoniti: Guglielmotti, Villa, Bakayoko
Epulso al 30’ p.t. Palermo
Arbitro: sig. Paolo Bitonti della sez. di Bologna 5.5

 

Terza sconfitta consecutiva per la Pergolettese gestione De Paola e classifica che si fa sempre piu’ pesante. Era gia’difficile affrontare la corazzata Renate, dovendo pagare in partenza le assenze di Scardina, Duca, Ferrari e Bortoluz; se poi dopo 10 minuti vai sotto di un gol, per un tiro da 30 metri di Kabashi che piega le mani al portiere, e alla mezz’ora rimani in dieci uomini per una espulsione (Palermo) causata, pare, da una parola di troppo, dopo una ammonizione per fallo di mano, tutto diventa piu’ complicato e metti la gara in discesa a una formazione come il Renate, che non ha bisogno certo di questi favori. De Paola  ha provato a cambiare l’assetto della sua squadra, per arginare l’emorragia di risultati  e gol subiti, sposando un 3-5-2 (modulo a specchio anche per Aimo Diana)al posto del tradizionale 4-3-3. Mossa che sembrava aver avuto il suo effetto positivo nei primi minuti di gara con il Renate mai pericoloso, poi l’errore di Ghidotti e la storia della partita e’  cambiata.

Dopo il gol subito la Pergolettese ha provato a regire, facendo leva sulla verve di Villa e Morello,  e al 22’, al termine di una prolungata azione corale, Ciccone con un destro ha sfiorato il palo. Nel momento di maggior sforzo, al 30’ l’espulsione di Palermo che e’ diventato  un macigno per il morale dei giocatori di De Paola. Fino al termine del primo tempo e’ stato un monologo del Renate, con un lungo palleggio in attesa di trovare l’imbucata vincente. In evidenza in questo frangente Marano con tre conclusioni: una alta, una respinta da Ceccarelli e un tiro cross respinto da Villa sulla linea di porta, prima della chiusura del tempo.
Ad inizio ripresa De Paola ha messo in campo Andreoli e Bariti al posto di Ferrara e di un stanchissimo Panatti. La Pergolettese e’ partita forte, obbligando il Renate ad arretrare nella propria meta’ campo. Un tiro cross di Morello che per pocoi non sorprendeva il portiere Gemelli, che si e’ salvato con un colpo di reni all’indietro, e’ stata pero’ l’unica conclusione nello specchio della porta ospiote.   Alla prima offensiva di una certa importanza del secondo tempo, e’ arrivato il rigore (63’) a favore degli ospiti che di fatto ha messo  fine alla gara. Bakayoko, superato da Guglilemotti lo ha strattonato dentro l’area: per il direttore di  gara e’ stato inevitabile fischiare il penalty, che poi Giovinco ha realizzato con freddezza: gara virtualmente chiusa. Prima del fischio di chiusura c’e stato ancora il tempo per assistere a una girata in area di Ciccone alzata in angolo e a una punizione di Kabashi su cui Silva e’ arrivato con un attimo di ritardo.
A fine gara il rammarico di mister De Paola e’ stato per la seconda gara consecutiva giocata in inferiorita’ numerica:
“Penso che fino a quando siamo stati in parita’ numerica, abbiamo giocato alla pari. Poi il gol preso da 30 metri  e l’espulsione alla mezz’ora hanno cambiato tutto, mettendo la gara in salita. Devo dire, pero’, che nelle ultime due gare  abbiamo affrontato le prime della classifica e non abbiamo demeritato in entrambe. Commettiamo troppi errori, che io chiamo “facili”, toppi errori che non possiamo commettere affrontando squadre cosi’ importanti. Io sono sereno e fiducioso perche ‘ la squadra ha dimostrato di essere in salute, correndo e giocando al calcio fino alla fine: sarei piu’ preoccupato se non proponessimo del buon calcio. Adesso dobbiamo rifiatare e preparaci per l’ennesima gara di mercoledi’ contro la Juventus U23 dove bisognera’ portare a casa dei punti.”
Il commento del mister del Renate Aimo Diana.

“ Abbiamo affrontato in precedenza squadre piu’ blasonate della Pergolettese, ma oggi la squadra cremasca ha dimostrato tutte le sue qualita’. Ha un buon impianto di gioco e dei giovani molto interessanti: hanno l’allenatore giusto per poter uscire dalla situazione in cui si trovano adesso. L’avevo visionata negli utlimi tre turni di campionato, e sapevo delle difficolta’ che avremmo trovato. Noi l’abbiamo affrontata  con le nostre armi  poi il vantaggio con il gran gol di Bakashi, l’espulsione (che non commento) e il rigore ci hanno consegnano questa meritata vittoria. E’ un campionato dove 3/4  squadre si contenderanno le prime posizioni, ma anche quelle minori sono cresciute molto di livello e possono dare filo da torcere a chiunque.”




U.S.PERGOLETTESE 1932 Srl
VIA A. DE GASPERI 67 - 26013 CREMA
Tel. 0373 226415 / 0373 399932
Stadio      Contatti