U.S.PERGOLETTESE 1932 Srl
VIA A. DE GASPERI 67 - 26013 CREMA
Tel.0373 226415 / 0373 399932
segreteria@pergolettese.it - ufficiostampa@pergolettese.it

Notizie 0/1

PERGOLETTESE - PIACENZA 2 -2

Torna Indietro

PERGOLETTESE – PIACENZA 2 – 2
Reti: p.t. 8' Corbari (Pi),39' Dubickas (Pi); s.t. 23' Varas su rig.,45' Scardina su rig
PERGOLETTESE (4-3-3): Galeotti; Bariti, Alari (41'st Mercado), Ferrara, Villa; Varas, Arini, Zennaro (1'st Palermo); Vitalucci (1'st Scardina), Moreo (38' st Fonseca), Morello (38'st Guiu Vilanova).
A disp. Soncin, Piccardo, Meddah, Cancello,Perseu, Verzeni, Nava Valerio.
All. Stefano Lucchini
PIACENZA (3-5-2): Stucchi; Armini, Codromaz, Marchi; Gonzi, Corbari (30'st Nava), Suljic, De Grazia 812'st Burgio), Giordano (30'st Bobb);  Cesarini (16'st Simonetti), Dubickas
A disp. Pratelli, Libertazzi, Tafa, Lamesta,Rabbi, Marino, Spini, Gissi
All. Cristiano Scazzola
Arbitro: sig. Domenico Mirabella sez. di Napoli
Ammonito: Moreo, Stucchi, Scazzola, Codromaz
Note:giornata coperta, terreno in ottime condizioni,Angoli 2-6, Rec.1+4
 

Pergolettese dai due volti, quella vista oggi al Voltini con il Piacenza. Timorosa, sfilacciata e contratta nel primo tempo, coraggiosa, autoritaria e intraprendente nella ripresa. Sotto di due reti al termine dei primi 45 minuti, nulla faceva presagire di ammirare un altra squadra nella ripresa. Certo gli ingressi di Palermo e di Scardina (al rientro dopo quasi due mesi di assenza) hanno dato sostanza e peso alla squadra, ma è stato tutto il gruppo che improvvisamente ha ritrovato quelle certezze perse mercoledi’a Seregno e nei primi 45 minuti di oggi. Una squadra padrona del campo, che ha costretto gli avversari ad arretrare sempre di più, insediandosi nella loro meta’campo e stringendo d’assedio l’area piacentina. Difesa ospite che è andata in affanno sulle palle alte crossate alla ricerca di bomber Scardina, vero lottatore in questi contesti. La sua presenza e fisicità ha creato parecchi problemi ai difensori piacentini tanto che hanno dovuto usare spesso le maniere forti per contrastarlo. In questo contesto sono arrivati i due penalty che hanno permesso a Villa e Co. Di effettuare la seconda rimonta casalinga dopo quella della scorsa domenica con la Virtus Verona. Due rigori contestati in casa piacentina , che in sala stampa a fine gara non hanno lesinato lamentele verso la direzione arbitrale. Il primo penalty assegnato è apparso senza possibilità di recriminazioni, per un fallo di mano di Simonetti su cross di Morello, mentre è stato il secondo a essere stato contestato dagli ospiti. Calcio di rigore decretato per una spinta in mischia su Scardina, che poi cadendo, è andato a colpire la palla con la mano. Tra questi due episodi, però,i gialloblù hanno invece protestato vivacemente per un clamoroso fallo di mano in area non fischiato a fermare un cross di Varas. Il Piacenza ha disputato una prima parte di gara esemplare, favorita dal vantaggio dopo pochi minuti di Corbari, abile a riprendere una respinta di Galeotti su un tiro di Cesarini e pronto a ribadire in rete. Poco prima c’è stata una occasione per Marchi, bravo a districarsi in area e calciare, pronto il portiere gialloblù a respingere. La Pergolettese ha accusato vistosamente il gol subìto, tanto che ha fatto parecchia fatica a riprendersi (evidentemente la sconfitta di Seregno ha lasciato ancora degli strascichi). Ancora pericoloso il Piacenza dopo pochi minuti con Cesarini: Galeotti si distende e respinge. Poi la forza di volontà dei gialloblù è riuscita a creare un paio di buone opportunità Pergolettese con Vitalucci: conclusioni deboli, che non hanno creato problemi all’ex Stucchi. Dopo un colpo di testa di Marchi alto, il raddoppio dei piacentini con Dubickas che, partito sul filo del fuorigioco, sull’uscita di Galeotti lo ha infilato con precisione.
A inizio secondo tempo, mister Lucchini opera due cambi. Fuori due undrer Zennaro e Vitalucci, in campo due over Palermo e Scardina. Il cambio ha dato coraggio e slancio ai gialloblù che, dopo l’unica azione pericolosa del Piacenza della ripresa con De Grazia, Galeotti gli respinge la conclusione ravvicinata, è iniziato il monologo gialloblù, che ha assediatola meta’ campo ospite fino al termine. Le prime proteste da parte Pergolettese arrivano per un atterramento di Bariti al 53’ in area: l’arbitro sorvola fa cenno di proseguire. Dopo sei minuti Varas su calcio di punizione sfiora l’incrocio. Al 68’ il primo rigore, realizzato dallo specialista Varas. Al 72’ Scardina di testa sorvola di poco la traversa. Spinti dall’incitamento del pubblico amico, i gialloblù insistono in avanti e all’82’ Varas va la cross fermato in area da un netto fallo di mano: il direttore di gara indeciso non interviene.
A un minuto dal novantesimo, l’episodio gia’ descritto del secondo penalty: Varas lo lascia a Scardina che con freddezza realizza il meritato pareggio.




U.S.PERGOLETTESE 1932 Srl
VIA A. DE GASPERI 67 - 26013 CREMA
Tel. 0373 226415 / 0373 399932
Stadio      Contatti